OCCLUSIONI VASCOLARI

L'occlusione vascolare retinica è una patologia che può originare da una occlusione parziale o totale di un vaso arterioso o venoso della retina e che può condurre alla formazione di un edema o ad un’ischemia parziale o totale del tessuto retinico.


Epidemiologia
L’occlusione arteriosa retinica e in particolare l’occlusione dell’arteria centrale della retina (OACR) è un evento abbastanza raro, ma nella maggior parte dei casi presenta una prognosi senz’altro sfavorevole.
L’occlusione della vena centrale della retina è un evento molto più frequente, ma meno grave.
La trombosi retinica è una patologia che interessa soprattutto le persone con più di 50 anni di età, che hanno sviluppato malattie cardiovascolari, un glaucoma, una ipertensione, una aterosclerosi o altre emopatie.
Va detto comunque che tale patologia interessa minormente anche le altre fasce di età della popolazione.



Patogenesi della occlusione dell’arteria centrale della retina
L’occlusione dell’arteria centrale della retina in genere è dovuta al distacco di un embolo da placche aterosclerotiche situate a livello delle arterie carotidi. Va ricordato, infatti, che l’arteria centrale della retina è uno dei rami in cui si divide l’arteria oftalmica, che a sua volta è un ramo della arteria carotide interna.
A questo vanno aggiunti fattori come l'ipercolesterelemia e l'iperomocisteinemia.
L’embolo solitamente dà luogo ad una occlusione totale dell’arteria, che si manifesta con un’ischemia totale della retina.
L’offuscamento visivo riferito dal paziente di solito è monolaterale.
Nei soggetti ipertesi va presa in considerazione come fattore facilitante la formazione del trombo anche la possibile presenza di una sclerosi parietale arteriosa.
Qualora l’embolo non vada ad ostruire l’arteria centrale della retina, ma solo uno dei suoi due rami, cioè le arterie retiniche superiore od inferiore, o una delle loro ulteriori ramificazioni, il territorio interessato dall’attacco ischemico avrà dimensioni più ridotte.
In genere, l’occlusione dell’arteria centrale della retina è una patologia monolaterale, ma sono stati riscontrati diversi casi di occlusione simultanea e bilaterale di entrambe le arterie centrali della retina.






Patogenesi della occlusione della vena centrale della retina

Il livello di ostruzione causato dal trombo a livello della vena centrale della retina determina due tipi diversi di occlusione:
1. la occlusione parziale della vena, che può dare luogo ad un edema retinico, di solito ben evidenziabile mediante un controllo fluorangiografico;
2. la occlusione totale della vena, che può dare luogo ad un attacco ischemico.




L’occlusione dell’arteria centrale della retina dà luogo ad un calo della vista totale, improvviso e privo di dolore.
La trombosi venosa retinica , può, invece, avere caratteri più sfumati.


E' IMPORTANTE UNA DIAGNOSI PRECOCE,UN ATTENTO FOLLOW UP, ED UN EVENTUALE TRATTAMENTO DELLE PATOLOGIE SOPRA CITATE.


Nelle occlusioni arteriose è importantissima una diagnosi precoce per una terapia tmepestiva.

La trombosi venosa si cura con terapia sistemica, con laser, con iniezioni intravitreali di avastin, lucentis, e con ozurdex.